× AUCTORITATES OPERA ARGUMENTA INTERPRETATIONES OI MATHETAI RES GESTAE
KATHEGORIAI
Vaccinazioni e PIL, ovvero del disvelamento della contraddizione complottistica

15 maggio 2021

Poiché Rammemorare (An-denken) rappresenta il compito autentico del Pensiero, vogliamo qui iniziare ad accennare all’evenire del ricordo circa le interpretazioni fantasiose sulla pandemia sopraggiunte nell’orizzonte del discorso pubblico almeno da inizio 2020, e vogliamo farlo oggi, ossia nel giorno in cui, entro la classifica – pubblicata online dal Sole 24 Ore – che ordina i Paesi in base al numero assoluto di inoculazioni vaccinali, nonché secondo il loro rapporto percentuale sul totale della popolazione, compaiono gli “items” High income, Upper middle income, Lower middle income.

1. La pandemia è un complotto posto in essere da un Potere – non meglio identificato – per cambiare il nostro stile di vita (e di consumo...)

2. La pandemia è un complotto posto in essere dall’apicalità del Capitalismo per tagliare fuori dal mercato la base dello stesso, ovvero le Pmi.

Bene, nella misura in cui il fondamento dell’inoculazione vaccinale e della sua rapidità somministrativa risiede precisamente nella volontà di far tornare le persone (ovvero i consumatori) quanto prima possibile agli stili di vita e di consumo anteluetici (e noi in ciò, come sempre, salutiamo con letizia la pars construens delle vite salvate), come mai il gruppo delle nazioni denominate ad “alto reddito”, ovvero i Paesi del Capitalismo avanzato (ebbene del vero Potere del nostro tempo, per nulla occulto o matrix-forme...), sono al 48%, quello sopra la media al 20,9% e quello sotto la media al 7,46%? Come mai, ancora, l’ordine delle nazioni in tabella rispecchia quasi esattamente il loro ordinamento gerarchico per PIL?

Verrebbe piuttosto da pensare che, se il Potere volesse cambiare gli stili di consumo, inibendoli anzitutto, partirebbe a vaccinare dai Paesi NON consumistici, così come, se il Capitalismo volesse distruggere il tessuto della piccola e media impresa, partirebbe a vaccinare NON da quei Paesi dove il Capitalismo è maturo (poiché la realtà non ci consente di pensare - pena il ridicolo - che il Senegal sia pieno di piccoli imprenditori che Amazon o McDonald’s vogliono tagliare fuori dal mercato...).

Ecco a cosa serve Aristotele, nell'Oggi e sempre: date “n” apofansi che appaiono nel discorso sul reale, essere in grado di comprendere, anzitutto attraverso la concettualità, quali di queste dimorino presso V e quali presso F, quali ovvero siano sciocchezze autocontraddittorie quanto le due enumerate più sopra.

× AUCTORITATES OPERA ARGUMENTA INTERPRETATIONES OI MATHETAI RES GESTAE
KATHEGORIAI
Vaccinazioni e PIL, ovvero del disvelamento della contraddizione complottistica
15 maggio 2021

Poiché Rammemorare (An-denken) rappresenta il compito autentico del Pensiero, vogliamo qui iniziare ad accennare all’evenire del ricordo circa le interpretazioni fantasiose sulla pandemia sopraggiunte nell’orizzonte del discorso pubblico almeno da inizio 2020, e vogliamo farlo oggi, ossia nel giorno in cui, entro la classifica – pubblicata online dal Sole 24 Ore – che ordina i Paesi in base al numero assoluto di inoculazioni vaccinali, nonché secondo il loro rapporto percentuale sul totale della popolazione, compaiono gli “items” High income, Upper middle income, Lower middle income.

1. La pandemia è un complotto posto in essere da un Potere – non meglio identificato – per cambiare il nostro stile di vita (e di consumo...)

2. La pandemia è un complotto posto in essere dall’apicalità del Capitalismo per tagliare fuori dal mercato la base dello stesso, ovvero le Pmi.

Bene, nella misura in cui il fondamento dell’inoculazione vaccinale e della sua rapidità somministrativa risiede precisamente nella volontà di far tornare le persone (ovvero i consumatori) quanto prima possibile agli stili di vita e di consumo anteluetici (e noi in ciò, come sempre, salutiamo con letizia la pars construens delle vite salvate), come mai il gruppo delle nazioni denominate ad “alto reddito”, ovvero i Paesi del Capitalismo avanzato (ebbene del vero Potere del nostro tempo, per nulla occulto o matrix-forme...), sono al 48%, quello sopra la media al 20,9% e quello sotto la media al 7,46%? Come mai, ancora, l’ordine delle nazioni in tabella rispecchia quasi esattamente il loro ordinamento gerarchico per PIL?

Verrebbe piuttosto da pensare che, se il Potere volesse cambiare gli stili di consumo, inibendoli anzitutto, partirebbe a vaccinare dai Paesi NON consumistici, così come, se il Capitalismo volesse distruggere il tessuto della piccola e media impresa, partirebbe a vaccinare NON da quei Paesi dove il Capitalismo è maturo (poiché la realtà non ci consente di pensare - pena il ridicolo - che il Senegal sia pieno di piccoli imprenditori che Amazon o McDonald’s vogliono tagliare fuori dal mercato...).

Ecco a cosa serve Aristotele, nell'Oggi e sempre: date “n” apofansi che appaiono nel discorso sul reale, essere in grado di comprendere, anzitutto attraverso la concettualità, quali di queste dimorino presso V e quali presso F, quali ovvero siano sciocchezze autocontraddittorie quanto le due enumerate più sopra.
orizzontealtro@gmail.com